manto_madonna_2

Raccolta fondi “Il manto della Madonna”

Il sacerdote don Carlo Botta (1770-1849) che nella prima metà dell’Ottocento è stato un pioniere di varie opere sociali (ragazzi di strada, preti poveri e soli senza cure infermieristiche, ragazze a rischio, bambini della scuola dell’infanzia e anziani) era devotissimo della Madonna, venerata nella parrocchia di S. Alessandro in Colonna col titolo di Madonna del Patrocinio.

Era ancora studente di teologia quando gli venne affidata la cura della cappella e della festa della beata Vergine del Patrocinio ed è incredibile lo slancio con cui egli attese durante tutta la sua vita ad onorare e a rendere più splendido il culto della sua cara Madonna: il manto prezioso, costatogli lire 5000 austriache, il bellissimo trono da lui ideato e fatto fabbricare dai ragazzi abbandonati da lui accolti nell’Istituto San Carlo in via S. Alessandro.

Don Carlo ricorreva alla Madonna ogni volta che le sue tasche erano vuote o quando il flagello dell’epidemia minacciava la popolazione. La Madonna era per lui sicuro rifugio.

Lo scorso anno, nel 250 anniversario della sua nascita a Bergamo, in via S. Alessandro 45, la parrocchia ha affidato il manto donato dal Botta alle Suore di clausura dell’Isola di San Giulio per un preventivo di restauro conservativo. È in tessuto cannellato in seta color perla, bordato sempre in seta perla, laminato in argento e broccato in oro. La parte centrale del corpetto è ricamata in filato dorato, un abito bellissimo, di straordinari valore simbolico.

Il manto che si apre in un abbraccio senza fine per includere tutti, come le braccia di Cristo sulla Croce, ci ricorda che, sempre – specialmente poi quando la nostra vulnerabilità si fa più visibile – siamo tutti fratelli, tutti fragili e disorientati, tutti bisognosi di confortarci a vicenda e di sentirci avvolti in un abbraccio più grande che ci accoglie, ci copre, ci riscalda, ci protegge e difende.

Quest’anno le Suore di clausura hanno comunicato che il preventivo del lavoro che sarà eseguito conforme alle indicazioni della Sovrintendenza, ammonta a € 11.000 (IVA esclusa).

Anche noi che godiamo dei benefici effetti delle opere avviate dalla fantasia della carità di don Carlo Botta, vogliamo contribuire a “tessere” il manto della Madonna, per trovarvi rifugio e divenire, a nostra volta, sempre più capaci di costruire legami fraterni e sempre più consapevoli che, nella traversata della vita, non possiamo andare avanti ciascuno per conto suo, ma solo insieme.

PER DARE IL TUO CONTRIBUTO, PUOI EFFETTUARE UN BONIFICO SUL CONTO CORRENTE

55000/1000/181805 INTESTATO ALLA PARROCCHIA SANT’ALESSANDRO IN COLONNA :

IT87 M030 6909 6061 0000 0181 805 (IBAN)

INDICANDO COME CAUSALE “RESTAURO MANTO MADONNA”

Comments are closed.